Sostituire il latte vaccino in caso di intolleranza al lattosio è possibile: le alternative vegetali esistono e sono buone. Vediamo quali sono i latti vegetali più diffusI e come utilizzarli nelle preparazioni senza glutine e senza lattosio.

IL LATTE DI RISO
Tra tutte le soluzioni “alternative”, è senza dubbio quella più ipoallergenica. Lascia una sensazione di leggerezza, quasi fosse un latte “diluito”. Il suo aroma delicato e il sapore dolciastro lo rendono adatto a essere aggiunto al caffè o ai cereali la mattina, ma è perfetto anche per realizzare dolci o pietanze delicate, come ad esempio la besciamella.

Scopri le nostre ricette senza lattosio!

intolleranza al lattosioIL LATTE DI MANDORLA
Si tratta di un latte leggermente dolce, dallo spiccato aroma di mandorla, ed è probabilmente il più popolare tra quelli di origine non animale. Il suo delizioso aroma e la consistenza cremosa lo rendono perfetto per la realizzazione di molti piatti, con prevalenza per quelli dolci (basti pensare alla granita siciliana). È adatto per frullati, frappè, creme pasticciere, budini, ma anche per addensare zuppe e salse. Unico avvertimento: fate attenzione al momento dell’acquisto: non confondete quello dolcificato con quello naturale!

intolleranza al lattosioIL LATTE DI COCCO
È un prodotto decisamente ricco, cremoso e “goloso”, da consumare con moderazione, anche per il contenuto abbastanza alto di grassi saturi.
Il deciso aroma di cocco si riduce con la cottura, rendendolo ottimo per le pietanze salate (come i curry indiani), per addensare zuppe o salse, ma anche per creme (è delizioso nella crème brûlée) o budini.

Leggi anche: Mio figlio è celiaco, i sintomi da non sottovalutare nel bambino

Se ponete la lattina in frigorifero per almeno 6 ore, la parte grassa salirà in superficie, creando un composto denso, perfetto anche per farciture, che addirittura può essere montato come una normale panna.


soiaIL LATTE DI SOIA
Si tratta di un latte leggero, caratterizzato da un delicato aroma di “fagiolo”.
Occorre ricordare che la soia è un allergene, per cui è bene tenere sotto controllo il quantitativo ingerito.

Essendo povero di grassi saturi, il latte di soia richiede la presenza di qualche addensante nella realizzazione di creme e budini. Provate ad aggiungere un cucchiaino di succo di limone nel latte prima di utilizzarlo nelle pietanze dolci: il risultato sarà decisamente più gustoso.

Leggi anche: Intolleranza all’uovo: consigli e trucchi per ricette infallibili

OCCHIO AGLI INGREDIENTI!
Insomma, le scelte non mancano, ma è sempre bene fare attenzione a quello che si acquista. Ricordate che i latti vegetali sono prodotti a rischio, quindi verificate che siano privi di glutine! Leggete le etichette e acquistate quelli con minor numero di additivi e, se potete, preferite quelli nel banco frigo (con minori conservanti).

Fonte: Il lattosio, quali alternative?, Free n. 5, Luglio 2015