Qual è il modo migliore per ricaricare le batterie dopo un faticoso anno di lavoro? Una bella vacanza in Alto Adige, tra valli, boschi, laghi, ruscelli e cime imponenti. Noi di solito ci avventuriamo da queste parti in agosto, per godere del fresco e della pace che regnano qui. Lo scorso anno io, mio marito e i nostri due piccoli abbiamo viaggiato a bordo di un camper, vagando per la Val Pusteria e dintorni fino al Tirolo austriaco.

BRUNICO E DINTORNI
CASTELLOIl nostro viaggio comincia da Brunico, cuore pulsante di questa valle. Sia d’estate che d’inverno, offre una moltitudine di iniziative culturali: il Castello Vescovile (vedi foto a sinistra) domina la cittadina e ospita il Museo della Montagna di Reinhold Messner. Se siete in viaggio con i bambini, dedicate una giornata al Museo Etnografico di Teodone, per immergervi nel passato rurale dell’Alto Adige, dove sono custodite numerose collezioni, dalle carrozze d’epoca agli attrezzi e ai veicoli utilizzati in agricoltura.

Nei dintorni di Brunico, non può mancare la salita al Plan de Corones, il comprensorio sciistico più famoso dell’Alto Adige. Da qui si gode di una vista spettacolare che abbraccia una “corona” di cime; d’estate i bambini possono divertirsi in un tapee con attività e costumi ispirati ai pellerossa.

A soli 3 km da Brunico c’è San Lorenzo di Sebato, con pizzerie senza glutine e una macelleria che produce carni, salumi e formaggi dai profumi accattivanti. A cena, invece, abbiamo mangiato un’ottima pizza senza glutine alla Alte Post. Il ristorante, che si trova sulla piazzetta principale del paese, non è inserito nel circuito AIC, ma conta numerosi clienti celiaci e garantisce attenzione e competenza.

Ti piace la vacanza nella natura? Scopri la Val d’Orcia e i suoi locali gluten free!

IN CARROZZA!
Essere in Alto Adige vuol dire soprattutto scordarsi di guidare una macchina, e muoversi fra boschi e vallate a piedi, in tutta tranquillità, su una mountain bike o con mezzi di trasporto puliti e puntuali. Con il treno della Val Pusteria, che collega tutte le località della valle in poco tempo, avrete la possibilità di caricare le vostre biciclette con un piccolo supplemento.

CICLABILECon immenso entusiasmo dei bambini, siamo saliti su questo trenino, dirigendoci verso San Candido per avventurarci sulla pista ciclabile più lunga dell’Alto Adige: la Pusterbike, altrimenti detta “ciclabile della Drava”(vedi foto a sinistra). Per 44 km i vostri sensi saranno rapiti da panorami mozzafiato: ruscelli, boschi, prati e foreste, in un percorso facile e adatto anche ai più piccoli, che arriva fino in Tirolo, dove è possibile riprendere il treno per tornare in Italia.

LAGHI E CASCATE
Prima di partire per la ciclabile, consigliamo un giro a San Candido con la sua bellissima collegiata romanica e le numerose vie dello shopping. Per completare l’esplorazione, siamo andati alla scoperta di uno dei due laghi più belli: il lagLAGOo di Anterselva (vedi foto a sinistra), nell’omonima valle. Meno affollato del più noto lago di Braies, è un vero gioiello. Per i bambini sarà un’esperienza indimenticabile: lungo il percorso che si snoda su una passerella in legno, vi sono cartelloni che forniscono informazioni sulla fauna e la flora del luogo. È possibile anche fare un bagno nelle acque color smeraldo e riposarsi prima di riprendere il cammino.

Lasciando la Val Pusteria, ci siamo avventurati verso la Val di Tures-Valle Aurina, un angolo di mondo incantato all’interno del Parco Naturale Vedrette di Ries, con le sue 80 cime che raggiungono e superano i 3.000 metri. Abbiamo fatto tappa a Campo Tures, dedicando una giornata alle Cascate di Riva, raggiungibili attraverso un percorso di 7 km tra boschi e ruscelli. Per rigenerarci, abbiamo sperimentato un’esperienza davvero unica: il centro termale Cascade, che vi consigliamo vivamente.

Nel Centro visite del Parco naturale Vedrette di Ries-Aurina, attraverso filmati, attività interattive, modelli litologici, fiabe e leggende, i bambini hanno rivissuto la formazione delle catene montuose per mezzo di un suggestivo pendolo del Tempo. Dopo tanto girovagare, il nostro itinerario non poteva che chiudersi con una chicca gastronomica: la fantastica cucina gluten free dell’Hotel Drumlerhof.

Cerchi una meta per un viaggio totalmente senza glutine? Clicca qui!

DOVE DORMIRE
DrumlerhofL’Hotel Drumlerhof (vedi foto a sinistra) è un meraviglioso hotel la cui cucina è affidata a Ruth Innerhofer, la proprietaria celiaca. Tutto è fatto in casa: dal pane al delizioso strudel di mele, che da solo vale l’intero viaggio. Camere e suite offrono una vista mozzafiato sui monti e sul castello. A disposizione degli ospiti anche una Spa con sauna e piscina coperta panoramiche.

DOVE MANGIARE
Acherer Patisserie: a Brunico, il pasticciere Andreas Acherer e la sua partner Barbara Strondl hanno allestito una pasticceria da sogno. Molti dei prodotti esposti, fra cui mousse, semifreddi e altre delizie, sono adatte ai celiaci perché naturalmente senza glutine.
Per altre strutture ricettive che servono cucina gluten free, consultate il sito: www.miaaltapusteria.it/cucina-celiaci.html

Cerchi locali dove mangiare e dove dormire tutto gluten free? Prove la nuove app sul mercato! Clicca qui!

COSA FARE
Cascade è il regno dell’acqua: 4 piscine interne su vari livelli, una esterna e un laghetto balneabile. Ogni piscina propone un diverso sistema di giochi d’acqua, massaggi e sorprese. Saune interne ed esterne, percorso Kneipp e un’area relax che vi farà sentire in paradiso. I prezzi sono decisamente contenuti per il servizio offerto. All’interno di Cascade ci sono bistrot e ristoranti che offrono un pasto naturalmente gluten free.

Il Parco avventura Wichtelpark ha lo scivolo più lungo del Tirolo: i bambini possono godere di un’avventurosa discesa lungo la vallata o divertirsi presso l’autodromo, il minigolf e il parco acquatico. Tra le attività del parco di Sillian, l’arrampicata e lo scivolo Flying fox. Area barbecue e picnic a disposizione degli ospiti.

Gustav Mahler Stube è una riserva naturale di undici ettari recintati dove si incontrano nel loro habitat caprioli, linci, cervi, gatti selvatici, orsetti lavatori e tanti altri amici a quattro zampe.

Al Museo Dolomythos imparerete come si sono formate le maestose Dolomiti, e scoprirete dinosauri, fossili e minerali in un’appassionante caccia al tesoro per grandi e piccini.

ATTIVITA’ SPORTIVE
RAFTINGRafting Club Aktiv Pustertal – Via Valle Aurina 22 – Campo Tures (BZ) – Tel. 0474 678422
Yeti Adventures – Brunico, Campo Tures (BZ)- Tel. 329 7650088
Maneggio Lechnerhof – Via Reinthal – Riscone/Brunico (BZ) – Tel. 335 6653971
Herbert’s maneggio & trekking – Via Rio Bianco 8 – Lutago (BZ) – Tel. 335 5389099

COSA COMPRARE
La Macelleria Baumgartner vende speck, carni, salumi e insaccati, preparati per gulasch e spezie aromatiche per carne. Tutto rigorosamente senza glutine. Via Josef Renzler 16 – San Lorenzo di Sebato (BZ)

La Latteria Tre Cime MondoLatte è il regno dei formaggi: tanti prodotti caseari unici e la possibilità di effettuare una visita didattica, per imparare come è prodotto il latte e come lo si trasforma in formaggio. Il giro si conclude con una gradita degustazione di latticini. Via Pusteria 3/C – Dobbiaco (BZ)

Da Costadedoi Harald troverete moltissime qualità di miele, dal millefiori a quello di castagno o di melata, tutti dal gusto particolarmente concentrato per via del basso contenuto di acqua. Al momento dell’acquisto, controllate che ci sia l’etichetta dorata a certificazione della qualità altoatesina. Via Monghezzo 6 – Chienes (BZ)

Il Lanificio Moessmer è una delle pochissime aziende tessili che lavora la lana seguendo l’intero ciclo produttivo. La loro collezione di loden spazia da modelli esclusivi a capi più casual. Dispone anche di una linea di calzature. Via Walther von der Vogelweide Str. 6 – Brunico (BZ).

Il Feltrificio Zacher è della famiglia Zacher, che cominciò a produrre cappelli nel 1560. Oggi il negozio di San Candido offre, oltre a cappelli da signora, da uomo e da bambino, anche pantofole e caratteristici oggetti e accessori in feltro, come berretti, sciarpe, guanti e prodotti per la casa. Via Castello 2 – San Candido (BZ).

A cura di Anna Lisa Iacobellis