La farina di quinoa è un ingrediente versatile e molto ricco, ideale come farina alternativa naturalmente senza glutine da usare in purezza o insieme ad altre farine!

farina di quinoaUN TESORO IN DISPENSA
Gli Inca la chiamavano «chisiya mama», cioè “madre di tutti i semi”. La quinoa, una pianta appartenente alla stessa famiglia degli spinaci, ha ottenuto recentemente nuova popolarità grazie alle sue indubbie qualità nutrizionali: contiene, infatti, tutti e otto gli aminoacidi, è ricca di proteine (intorno al 14%), di lisina e di sali minerali, tra cui potassio, ferro, magnesio, calcio, fosforo e zinco, oltre a grassi omega 3 e a vitamina E. A questi preziosi elementi si aggiungono anche uno scarso livello di sodio e un indice glicemico decisamente basso (53). Un toccasana, insomma!

Leggi: Quinoa, proprietà e benefici del supercereale degli Incas 

farina quinoa molino rossettoUN SAPORE NON COMUNE
Dal gusto deciso e caratteristico (ricorda un po’ gli spinaci bolliti o i fagiolini lessi, il che la rende talvolta complessa da gestire rispetto alle farine più neutre), la farina di quinoa è consigliata per pietanze salate (come muffin, pani, gusci di torte rustiche), magari arricchite da farciture vegetali, oppure, nel caso dei dolci, va unita a ingredienti dal carattere altrettanto deciso quali il cioccolato, il caffè o le spezie. Nella versione tostata (realizzabile anche in casa), la tendenza amarognola e gli aromi di erba tendono a ridursi fino a essere a malapena percepibili.

BUONA COME IL PANE
La presenza importante di proteine la rende una farina eccellente (seppure con i limiti del senza glutine) per la panificazione. Solitamente aggiunta in proporzione del 20% a impasti strutturati (pane, muffin, pancakes), è utilizzata anche in purezza in torte e biscotti che non hanno bisogno di consistenze più “elastiche”. È una farina abbastanza leggera e, abbinata alle uova, sa donare impasti soffici e poco compatti.

Leggi: La quinoa al supermercato per ricette sane e senza glutine

farina di quinoaIL TRUCCO SALVAEURO
Poiché la farina di quinoa è più costosa dei semi, è consigliabile macinare questi ultimi in casa al momento dell’uso, mettendone una piccola dose in un frullatore potente, in un tritaspezie o in un macinacaffè riservato a questo scopo, e setacciando eventualmente il risultato.

Prima di utilizzarli, è opportuno lavare bene e poi asciugare i semi, per evitare che la saponina, naturalmente presente sulla loro superficie, conferisca alla farina un sapore amarognolo. I tempi di conservazione della farina di quinoa sono piuttosto brevi, quindi è consigliabile conservarla in un luogo fresco, meglio se in un barattolo a chiusura ermetica in frigorifero o in freezer.

farina di quinoaLA FARINA DI QUINOA TOSTATA
È stato notato come la tostatura riduca moltissimo (fino quasi ad annullarlo) il retrogusto amarognolo e lo spiccato aroma di vegetale della farina di quinoa.

Sarà sufficiente disporre la farina in una teglia formando uno strato abbastanza sottile e porla in forno a 90 °C per un paio di ore, o fino a quando l’odore cambierà sensibilmente. Una volta raffreddata, la farina potrà essere conservata per 6 mesi, quindi è consigliabile prepararne in abbondanza per evitare di dover ripetere il processo ogni volta. Questo tipo di farina è perfetta per realizzare pietanze con aromi neutri e delicati (pan di Spagna, plumcake e pancakes).

Leggi anche: La farina di grano saraceno, perfetta per crespelle dolci e torte salate

farina di quinoaLA FARINA DI QUINOA GERMINATA
La naturale presenza di fitati nella farina di quinoa ne riduce l’assorbimento da parte del nostro organismo. La germinazione dei semi provoca sia l’aumento esponenziale delle caratteristiche nutritive che la diminuzione della presenza dei fitati. La farina germinata, abbastanza difficile da trovare in commercio certificata, può essere facilmente realizzata in casa.

Basterà tenere in ammollo i semi di quinoa in una quantità di acqua fredda pari al doppio del loro volume per almeno 6 ore, scolarli bene e tenerli in un germogliatore o su una fitta rete di garza o di metallo, lavandoli ogni 6 ore. Dopo 1 giorno i semi saranno ben germogliati. A quel punto, andranno posti nell’essiccatore (o in forno) a 75 °C per tutta la notte. Una volta asciutti, metteteli in un barattolo e conservateli in freezer. Al momento dell’uso, macinate la quantità di cui avete bisogno, in sostituzione della farina di quinoa normale.

LE RICETTE PIU’ BUONE
QUICHENella nostra sezione Ricette sono tanti i piatti preparati con la farina di quinoa. Qualche idea? Una buonissima Quiche con cipolle e provolone piccante, simpatici Muffin salati con zucchine, degli eleganti Éclair con mousse al tonno e per finire dei golosi ma delicati Pasticcini con marmellata di fragole.

Scopri qui le nostre ricette con quinoa!

Fonte: «Dossier ingredienti: la farina di quinoa», a cura di Rossanina Del Santo, Free n. 5, luglio 2015.

Leggi: Le ricette delle torte salate senza glutine!