I lupini sono un antico legume da cui si ricava una farina senza glutine molto nutriente. Voi li conoscete?

UN LEGUME DA RISCOPRIRE
gty_beans_lentils_peas_jt_120601_wg
Quella dei lupini è una pianta annuale appartenente alla famiglia delle leguminose. Di origine molto antica (sono state trovate tracce di lupini nelle tombe Maya e nelle piramide egizie!), è originaria dell’area mediterranea e del sudamerica.

Altamente energetici, come d’altronde tutti i legumi, i lupini sono un alimento economico, che oggi viene soprattutto utilizzato come snack. Ha quindi un ruolo marginale nell’alimentazione quotidiana, ma sta cominciando a essere riscoperto grazie alla farina che si ricava dalla macinazione del lupino intero, che è totalmente priva di glutine, molto nutriente e perfetta per impasti dedicati ai celiaci.

I NUTRIENTI DEL LUPINO
100 g di lupini sono composti per il 10% circa da acqua, il 40% da carboidrati, il 38% da proteine, il 3,2% da ceneri e la restante percentuale è composta da grassi. I minerali presenti non sono pochi: troviamo infatti calcio, fosforo, potassio, zinco, manganese, rame, sodio, selenio, magnesio e ferro, mentre sul fronte delle vitamine troviamo A, B1, B2, B3, B5, B6 e C.

Ma soprattutto i lupini (e la farina che se ne ricava) sono uno dei legumi più ricchi di proteine, e per questo sono un importante alimento per una dieta senza glutine, ma anche un pilastro dell’alimentazione vegana o vegetariana, perché sostituisce la fonte proteica per eccellenza, cioè la carne. Le proteine presenti nei lupini corrispondono a 38 grammi ogni 100 di prodotto, quantità paragonabile a quella della carne e superiore a quella delle uova. Tra i benefici apportati dai lupini dobbiamo ricordare anche il buon apporto di fibra e la presenza degli acidi grassi essenziali Omega 3 e Omega 6, indispensabili per la nostra salute.

LA FARINA È MEGLIO

lupiniLa farina di lupini si ottiene dalla macinazione dei lupini essiccati e leggermente tostati. Viene utilizzata soprattutto per la preparazione di prodotti da forno, sia dolci che salati. Potete sostituire dal 10% al 30% della quantità totale di farina di una ricetta con la farina di lupini, in abbinamento alle altre farine senza glutine impiegate.

Ma come impiegarla? Niente di più facile, perché si usa come qualsiasi altra farina: non solo per impasti di pane e pizza, ma anche per panature, per addensare zuppe e minestre, per preparazioni dolci di tutti i tipi (muffin, torte, crêpes, ecc), per compattare gli impasti di carne macinata o dei burger vegetali, e per preparare la pasta fresca.

1 kg di lupini secchi costa in media tra 1,80 e 3 euro; li trovate nei negozi di alimenti naturali e bio e nei reparti di legumi al supermercato. La farina è leggermente più cara: cercatela nei negozi bio, e assicuratevi che riporti il claim “senza glutine”. Come per le altre farine di legumi e cereali naturalmente gluten free, infatti, potrebbe essere soggetta al rischio di contaminazione incrociata durante lavorazione e il confezionamento.