Dimagrire in palestra: le attività top del momento, ideali per chi è celiaco! Alcuni esempi? Zumba, pilates e walking per divertirsi facendo sport!

È importante integrare l’attività fisica alla dieta senza glutine, perché il controllo del peso non è importante solo per una questione estetica. Monitorare il numero sulla bilancia serve per scoprire se ci stiamo alimentando bene, o se stiamo dando troppo spazio a zuccheri e grassi.

Muoversi, quindi, è nell’elenco delle cose (sane!) da fare. A patto di saper scegliere. Un esercizio, infatti, non vale l’altro. Insomma, perché l’attività fisica produca i suoi benefici effetti, ci vogliono le dritte giuste, e quelle del professor Paolo Evangelista, innovatore e opinion leader del fitness italiano nel mondo, sono perfette.

Leggi anche: Perdere peso: 7 regole per riuscirci andando in bicicletta, divertendosi!

QUARTETTO VINCENTE
«Per comodità, potremmo dividere il training di gruppo in quattro categorie: fun, cioè aggregazione e divertimento; tone, tonificazione; cardio, gli esercizi per stimolare l’apparato cardiovascolare e body and mind, le tecniche corpo e mente», spiega l’esperto.

dimagrire_in_palestraUNA QUESTIONE DI RITMO
La sempreverde Zumba è una delle attività più divertenti che si possono svolgere in palestra: ritmi afro-caraibici e gesti “rubati” all’intramontabile aerobica sono gli ingredienti di questo allenamento che ha spopolato e spopola al di là e al di qua dell’oceano.

Ma il training di gruppo ora fa rima con Dansyng® by Freddy. Nato dall’idea di Carlo Freddi (patron dell’omonimo marchio), è stato sviluppato dai fratelli Paolo e Giulio Evangelista, che hanno studiato le coreografie, le musiche, i tempi di respirazione tra un passo e l’altro, tra una canzone e la successiva. «Mentre ci si muove, si canta tutti quanti insieme. Una sorta di concerto di un’ora formato gym, che libera la mente dalle tensioni e dà forma al corpo», precisa il presenter.

Leggi anche: Sport e celiachia: 10 consigli per un’alimentazione sana, energetica e senza glutine!

dimagrire_in_palestraSU DI TONO
Un’altra tendenza del momento è il suspension training, l’allenamento funzionale in sospensione. «Una tecnica di fitness che, attraverso semplici attrezzi quali cavi, cinghie, scalette, tavolette, simil-amache, “sospende” parzialmente il corpo, sfruttando il suo peso e la gravità come resistenza. Centinaia di movimenti, il cui scopo è garantire tono, equilibrio, flessibilità, stabilità», prosegue l’esperto.

A fare da apripista, il TRX@, acronimo di Total resistance exercise: il piano di esercizi creato da Randy Hetrick dei Navy SEALs, le forze speciali della Marina americana. L’obiettivo dell’ex comandante era quello di allenare i propri soldati in qualsiasi luogo. Obiettivo raggiunto, tanto che nel 2005 l’originale programma fa il giro del globo. Principio analogo per l’italico Queenax®, che si è diffuso oltreoceano ancora una volta grazie alla popolarità del nostro cicerone.

Leggi anche: Donne e celiachia, la guida gratuita di Aic per la diagnosi

dimagrire_in_palestraPASSO DOPO PASSO
L’esercizio fisico per eccellenza, però, l’abbiamo a portata di piedi, peccato che nessuno ci pensi. A meno che non si incappi in un corso di Joywalk o Walkexercise. «Entrambe le attività ricordano l’importanza del camminare, dei vantaggi cardiovascolari che la sua pratica regala. Ciò che conta è fa seguire bene un passo all’altro. E questo vale anche quando si macinano chilometri sul tapis roulant», precisa il trainer. Attrezzo che, non a caso, caratterizza i due programmi.

dimagrire_in_palestraNON C’È CORPO SENZA MENTE
Il binomio perfetto. «Come perfette sono le tecniche dal sapore body and mind: Pilates (mania!), Power yoga, Yogaletes, la fusione tra l’antica disciplina orientale e il Pilates, utili ad armonizzare il corpo e la mente», conclude Paolo Evangelista.

Tra le tante, c’è anche il metodo Olit. Un’attività olistica propriocettiva-posturale eseguita al suono di una musica dolce e ancestrale. Nata una decina di anni fa dall’intuizione della coreografa Silvia Pozzato, è un mix di esercizi che traggono spunto dallo Yoga, dal Tai chi e dal Qi gong. Lo scopo? Insegnare a chi la pratica la capacità di muoversi secondo natura.

Scopri in edicola il nuovo numero di Free!