Ecco per voi quattro birre senza glutine selezionate dall’ultima edizione del World Gluten Free Beer Award, il primo campionato internazionale di birre senza glutine organizzato in Italia.

Il mercato della birra senza glutine cresce di giorno in giorno: dalle birre artigianali a quelle prodotte da marchi più grandi, la bevanda che negli ultimi anni ha conosciuto una vera e propria rinascita è sempre più gluten free. Come? Perché viene prodotta a partire da cereali naturalmente privi di glutine, o perché durante il processo di lavorazione, sempre più all’avanguardia, viene “deglutinizzata” (contiene cioè meno di 20 ppm di glutine, assestandosi sui <10 ppm).

TRIPEL BRUNEHAUT Medaglia d’oro 2013 del World Gluten Free Beer Awarbrunehaut-triple1d è una ale forte belga prodotta dalla Brunehaut, che ha sviluppato una gamma di birre biologiche e senza glutine a partire dall’orzo, che attraverso un metodo unico e tutto naturale viene privato del glutine durante il brassage per arrivare a < 5ppm di glutine finali. Fresca anche se ad alta gradazione , ha un sapore pieno che persiste a lungo sul palato. Ideale con certi formaggi a pasta dura dal sapore intenso.

GLUTENBERG AMERICAN PALE ALE
Pale beer_1536931Ale del birrificio canadese Glutenberg, è prodotta con acqua, miglio, grano saraceno, mais, quinoa e zucchero demerara. Gusto pieno e armonioso, è l’accompagnamento ideale anche per cibo etnico. Al naso ha note di albicocca, lampone e pompelmo, al palato ricorda il caramello e l’arancia, ma rimane avvolgente e ben equilibrata.

 LAGER SCHNITZER BRÄU
Nella preparazione di questa birra biologica, il malto di miglio (cereale naturalmente senza glutsb_flasche_0020_hirseine) sostituisce quello di orzo, ed è più delicato. È una birra chiara, leggermente torbida, con una schiuma bianca appena accennata e un gusto fresco e floreale. Prodotta nella Foresta Nera, in Germania, porta il marchio della Spiga Barrata tedesca, che ne garantisce l’assenza di glutine. Perfetta per accompagnare una vasta gamma di piatti, dal pesce alla pizza.

LA BIONDA DELLA GREEN’S
Una Blond rifermentata in bottiglia dal colore dorato con una schiuma densa e persistente prodogreen-s-gluten-free-beer-blond-ale-360-ptta secondo un’antica ricetta. Il suo caratteristico aroma e il sapore tipico sono il risultato di una particolare selezione di malti d’orzo e di luppoli pregiati deglutinati. Altamente dissentante, al palato ha note di coriandolo e agrume. Il contenuto di glutine non supera i 4ppm.

LA CLASSIFICA
Ecco i primi 15 piazzamenti del 2013:
Brunehaut – Tripel
Glutenberg – American Pale Ale
Green’s – Blond
Glutenberg – Red Ale
Glutenberg – India Pale Ale
Green’s – Dark
Mongozo – Pilsner
Brunehaut – Amber
Green’s – Pilsner
Schnitzer Brau – Lager
Green’s – Golden Ale
Hambleton Ales – Ale
Green’s – Amber
Estrella – Daura
Hambleton Ales – Lager

Le altre birre gluten free artigianali – LEGGI