Si è appena conclusa a Madrid MAD Gluten Free, la Fiera internazionale del mondo senza glutine in Spagna: il nostro amico Andrea Colombo, blogger celiaco e foodreporter giramondo, non poteva certo perdersi questo evento: ecco il resoconto della sua trasferta spagnola!

Madrid senza glutine: scopri i locali consigliati da Andrea!

Madrid senza glutineIL SIN GLUTEN UNISCE TUTTI!
«Due manifestazioni dedicate al senza glutine nell’ultimo semestre: a novembre il Gluten Free Expo di Rimini e adesso MAD Gluten Free a Madrid. “L’unione fa la forza” è il messaggio di questi eventi in cui la celiachia è protagonista: consumatori, imprese, laboratori artigianali, associazioni e editoria. Bilancio positivo della mia trasferta spagnola: affrontare la celiachia a 360 gradi è possibile quando si condividono le proprie esperienze. Show cooking, degustazioni, nuovi prodotti e laboratori artigianali: a Madrid più di 8000 visitatori in tre giorni dove la parola d’ordine è “sin gluten”. Presenti alla cerimonia d’inaugurazione anche Jon Zabal, presidente FACE (Federazione delle Associazioni dei Celiaci Spagnoli) e Pere Gurt, organizzatore dell’evento.

Leggi anche: Spagna per celiaci, informazioni e link utili

madrid senza glutineDEGUSTAZIONI, ASSAGGI E PRODOTTI FRESCHI
Anche qui lo street food è sulla cresta dell’onda: grande successo dei food truck, camioncini itineranti in versione senza glutine che offrono cibo di qualità per tutti. Non mancano i prodotti locali: churros, panini con jamon iberico e bocatas de calamares (un sandwich tipico), quesada e rosquillas con anice, meglio se accompagnati da una birra: bottiglie e lattine distribuite a volontà. E per scoprirne i segreti, dodici tipologie di birra oggetto di quattro corsi condotti da Ricardo Nafrìa, un autentico esperto.

Madrid senza glutineGrande afflusso allo show cooking di Carlos Milàn, giovane chef celiaco particolarmente preparato su contaminazioni e intolleranza al lattosio. Ricetta del giorno: ravioli al cocido. Gremito anche il suo stand, un laboratorio artigianale per produzione di pane, pizza e preparati per dolci che richiama una folla di visitatori.

Madrid senza glutineTrionfa un altro celiaco con le mani in pasta: Sergio del Rey del panificio Celikatessen. Il suo motto: un pane che sappia di pane. E in programma assaggi di olio e un corso sulla degustazione di cioccolato. Orgoglio italiano, poi, presso lo stand Nutrifree, assediato per degustare la schiacciata toscana, in competizione con le crêpes alla… Nocilla.

Madrid senza glutineValanghe di gustose palmeritas da Celiacoteca e bambini in estasi davanti alle prelibatezze di Singlutentaciones (che lancia un nuovo mix di farine per dolci); confermato il successo delle creazioni di Celicioso Madrid senza glutineBakery, e lunghe file anche per un bicchiere caldo di Aneto, un brodo senza glutine, uova e lattosio con numerosi impieghi in cucina.

E tra orde di piccoli chef attirati dallo stand Procelì per partecipare a corsi di panificazione non passa inosservata Amaya, la giovane ideatrice di Celiaquitos, un’app per la ricerca di ristoranti e locali. Un’altra iniziativa lodevole è quella di Ayudar A Quien Ayuda, che raccoglie gli omaggi devoluti dai visitatori e i prodotti invenduti delle aziende, che serviranno ad aiutare celiaci in difficoltà o presso enti di assistenza.

madrid senza glutineE per chi aveva dubbi su diagnosi o dieta, non sono mancate informazioni ai neodiagnosticati grazie al supporto delle Associazioni FACE, Madrid Sin Gluten e Asociacion Celiacos y sensibles al gluten.

Leggi anche: Siviglia senza glutine: scopri dove mangiare tapas gluten free! 

UN PENSIERO FINALE…
Se per gli italiani la Spagna è una realtà da imitare, gli amici iberici lamentano scarsa disponibilità di formati di pasta ed elevato costo delle farine (il sistema sanitario spagnolo non prevede alcuna erogazione gratuita). Condivisione, confronto e collaborazione di tutti noi porteranno di sicuro grandi novità. E, dismessi i panni da foodreporter, ringrazio per l’accoglienza speciale: uno straniero attratto dalla realtà locale, viziato da assaggi e incuriosito da piacevoli conversazioni con nuovi amici. Con la speranza di rivederli presto, magari a Rimini il prossimo anno: l’occasione giusta per mostrare loro le eccellenze della produzione artigianale made in Italy».

Andrea Colombo è anche su Instagram @andreaglutenfreeglobetrotter e su Twitter @andreglutenfree!

Scopri tutti i viaggi senza glutine di Andrea!