Presentata una cucina itinerante, unica nel suo genere, per cucinare e distribuire alimenti senza glutine durante le emergenze.

PASTI (E PASTA) PER TUTTI
È il fiore all’occhiello della Protezione Civile di Salsomaggiore Terme “Gruppo Favalesi“, ed è stato realizzato grazie al contributo del Gruppo Barilla e di altre aziende private. All’interno di questo camion-cucina, che diventerebbe operativo in caso di primissima emergenza, si possono preparare fino a 500 pasti l’ora, e il modulo prevede anche una unità per le intolleranze alimentari, compresa ovviamente la celiachia pasti (fino a 150 pasti l’ora), un gruppo elettrogeno da 40KWh e una tensostruttura di 100 metri quadrati all’interno della quale si potrà mangiare al riparo.

IL PROGETTO
80f3e41973-sfondo7-cucinaÈ stato presentato nel novembre 2013, e nell’inverno dell’anno successivo ha visto la luce grazie al lavoro dei volontari dell’Associazione Favalesi. Il 17 dicembre 2014 il progetto è stato presentato ufficialmente a Parma con il montaggio di un piccolo campo di accoglienza dimostrativo, dotato di tutti i servizi necessari per ospitare sfollati: cucine, mensa, supporto sanitario, ecc. Numerose scolaresche da tutta la provincia e oltre hanno visitato il campo, seguendo un percorso didattico in cui veniva spiegato in quali campi e occasioni lavora la Protezione Civile.

maggio 2015, nel corso dei festeggiamenti di San Vitale, patrono della città di Salsomaggiore, il modulo è stato presentato a un pubblico più ampio, che l’ha accolto con entusiasmo. «È un progetto unico nel suo genere», ha affermato Devid Cattani, responsabile della logistica, «ed è dedicato alle intolleranze e alle allergie alimentari, perché durante le emergenze tutti hanno diritto di mangiare un pasto caldo in sicurezza, anche chi è soggetto a problemi alimentari».

Fonte: Gazzetta di Parma