Prezzi dei prodotti senza glutine: perché fare la spesa costa così tanto? L’indagine della Federconsumatori sul caro-prezzi in Italia.

Per i 180.000 celiaci italiani fare la spesa può essere molto più dispendioso rispetto ai consumatori che mangiano glutine.

Lo ha svelato una recente indagine dell’O.N.F., Osservatorio Nazionale Federconsumatori, che ha realizzato il primo studio sulla “spesa senza glutine” prendendo in considerazione i prezzi di supermercati, farmacie e negozi specializzati su tutto il territorio italiano, nonché le modalità di erogazione dei diversi contributi economici (i buoni-ricetta) stanziati dalle Regioni, e il costo di un pasto senza glutine fuori casa.

Leggi anche: Alimenti senza glutine, i 10 cibi gluten free per ricette dolci e salate

img_1948LE DIFFICOLTÀ DEI CONSUMATORI CELIACI
Le conclusioni della Federconsumatori non sono positive: infatti, è emerso un sostanziale caro-prezzi soprattutto per i prodotti base (pane, pizza, pasta, biscotti) venduti nelle farmacie e nei negozi specializzati, doppiamente svantaggioso in quelle Regioni dove non è possibile spendere i “buoni-ricetta” nella GDO, cioè la grande distribuzione organizzata, dove i prezzi sono sempre più contenuti e dove è possibile trovare alimenti senza glutine di grandi marchi.

Leggi anche: Buoni-acquisto celiachia, come fare per ottenerli?

gluten_free_days_2016SPENDERE I BUONI ALL’IPER
In Italia i celiaci ricevono un contributo economico da parte della regione di residenza, fissato e aggiornato periodicamente dal Ministero della Salute, che lascia però alle amministrazioni regionali la libertà di aumentare il tetto di spesa e la modalità di erogazione. I contributi vengono erogati in base all’età (ma non ovunque: ad esempio, la Valle d’Aosta prevede lo stesso importo per bambini e adulti), sotto forma di buoni o di vere e proprie ricette mediche.

Leggi anche: Celiachia, le linee guida per la diagnosi ufficiale

mese delle intolleranze al glutineLe condizioni di spendibilità variano da regione a regione: non in tutte le regioni il contributo si può spendere in supermercati e ipermercati, sebbene negli ultimi anni i prodotti senza glutine (pasta, pane, farine, snack e biscotti e prodotti surgelati) si trovino in abbondanza nella Gdo, che ha messo in commercio addirittura linee specifiche a prezzi contenuti (ad esempio, quella della Coop).

Così, se nel Lazio, in Abruzzo o in Emilia-Romagna i celiaci possono spendere i loro buoni-ricetta al supermercato, risparmiando sul lungo termine, in Alto Adige o in Sardegna devono limitarsi alle farmacie e ai pochi punti vendita autorizzati dalle regioni.

Leggi anche: Pillola anti-celiachia, i farmaci contro il glutine sono davvero efficaci?

SPENDERE I BUONI FUORI DALLA REGIONE DI RESIDENZA
Un’altra conseguenza delle differenze regionali della regolamentazione, sottolinea la Federconsumatori, è l’impossibilità di spendere i buoni-ricetta al di fuori della regione di residenza: un disagio non da poco, perché questo significa che in caso di viaggio o spostamento di lavoro il paziente celiaco deve portare con sé i prodotti senza glutine (o pagare la spesa di tasca propria).

pizza_e_sfoglia_senza_glutinePREZZI DEI PRODOTTI SENZA GLUTINE
Indubbiamente il prezzo dei prodotti senza glutine nelle farmacie e nei negozi specializzati è quasi sempre più alto, se non altro per una differenza di distribuzione e perché un ipermercato ha la possibilità di fare prezzi più bassi.

L’indagine della Federconsumatori ha analizzato i prezzi medi di alcuni prodotti base venduti nelle GDO, nelle farmacie e nei negozi specializzati: si va da una differenza del 5% tra GDO e farmacia/negozio spec. per una farina da 1 kg, a una forbice del 43% per la birra senza glutine da 33 cl.

Leggi anche: Birre artigianali senza glutine, le etichette migliori sl web e nei beer shop!

mangiare senza glutine in ToscanaMANGIARE SENZA GLUTINE FUORI CASA
L’indagine della Federconsumatori ha toccato anche i prezzi dei pasti senza glutine di pizzerie, paninoteche, bar e ristoranti: quanto costa per un celiaco mangiare fuori casa? A quanto, di più rispetto a un “mangiatore di glutine”. Non è una novità: in molti lamentano prezzi gonfiati per pizza, dolci e pane senza glutine.

La Federconsumatori conferma: confrontando i prezzi dei menu di ristoranti specializzati nelle principali città italiane, è stata osservata una consistente oscillazione di prezzo che va dal 18% al 20% per pizza, pane, piatti di pasta, panini e dolci.

QUALI SONO I CIBI PERMESSI PER I CELIACI? LEGGI QUI!