Preparate la pasta fresca mescolando accuratamente la farina e la spirulina in polvere, quindi impastate a mano il tutto con le uova intere e gli albumi, iniziando da una classica “fontana”.

Lavorate l’impasto per alcuni minuti e con vigore, amalgamando tutti gli ingredienti in modo omogeneo, aggiungendo, se necessario, poca farina.

Preparate il ripieno, tagliando finemente e facendo scolare per bene la mozzarella di bufala. Aggiungete poi il Parmigiano Reggiano grattugiato, il basilico e 12-14 olive taggiasche, anche questi tagliati con cura. Amalgamate il tutto e aggiustate, se necessario, di sale e di pepe. Infarinate leggermente spianatoia e matterello, e stendete la pasta in una sfoglia dello spessore desiderato.

Ricavate, servendovi di un coppapasta, dei pezzi rotondi di circa 8/10 cm di diametro e ponete al centro di ognuno un cucchiaino abbondante di ripieno, per poi formare un cappellaccio. Chiudete le parti di contatto della sfoglia, avendole prima spennellate con tuorlo d’uovo sbattuto o acqua.

Scottate in una padella l’olio extravergine di oliva, immergendo per pochi minuti i pomodorini con lo zucchero e la cipolla di Tropea, aggiungendo alcune foglie intere di basilico e di erba Luigia. Se necessario, aggiungete poca acqua di cottura o brodo vegetale. Aggiustate infine di sale e di pepe.

Fate cuocere i cappellacci in abbondante acqua con sale e 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva. A cottura ultimata, lucidate e insaporite i cappellacci, ripassandoli in padella con il condimento precedentemente preparato. Impiattate infine i cappellacci con il condimento di pomodorini saltati, alcune fette sottili di cipolla di Tropea, un paio di bocconcini di mozzarella di bufala, foglie di basilico e di erba Luigia, e le restanti olive taggiasche intere.

Chef: Marcello Ferrarini

*Quando trovate un asterisco accanto a uno degli ingredienti di una ricetta, dovete verificare la presenza sulla confezione della scritta senza glutine, oppure fare riferimento alla Spiga Barrata o al Prontuario dell’Associazione Italiana Celiachia (celiachia.it) o scaricare la App AIC Mobile per Android, iPhone e Windows).
** Per gli ingredienti indicati con due asterischi, il suggerimento è di scegliere i prodotti erogabili ai celiaci da parte del SSN: il riferimento è il Registro degli Alimenti dietetici senza glutine del Ministero della Salute (salute.gov.it).