Mettete le patate, senza sbucciarle, in una pentola con acqua fredda, salata, e fatele cuocere fin quando la lama di un coltello inserita all’interno penetrerà con facilità (considerate almeno 20 minuti).

Sbucciate le patate e schiacciatele. Unitevi la fecola e l’uovo intero, ben sbattuto, e impastate il composto con le mani.

Prelevate una parte di impasto e, allungandolo su un piano di lavoro cosparso di farina di riso, formate dei salsicciotti di circa 2 cm di spessore. Tagliate gli gnocchi con un coltello affilato e passateli su un rigagnocchi. Prima di cuocerli tutti, fate una prova con 4-5 pezzi per verificare che reggano la cottura senza disfarsi. In caso contrario, aggiungete un po’ di fecola di patate. Disponete gli gnocchi crudi su un vassoio e cospargeteli con un po’ di farina di riso, in modo che restino ben separati.

Lavate, pulire e selezionate le vongole, quindi versate quelle scelte in una capiente padella insieme a 2 cucchiai di olio extravergine di oliva. Copritele con un coperchio e lasciate che si aprano.

Filtrate il liquido (potete usare un filtro di carta da caffè americano) e sgusciate le vongole, eliminando definitivamente quelle che non si sono aperte. Sciacquate la padella per eliminare eventuali residui di sabbia e mettetela nuovamente sul fuoco con il rimanente olio extravergine di oliva e lo spicchio di aglio. Fate insaporire, unite il concentrato di pomodoro e il liquido delle vongole. Fate restringere per 2 minuti e aggiustate di sale.

Fate cuocere gli gnocchi in abbondante acqua bollente, scolandoli appena verranno tutti a galla. Passateli nella padella con il sugo di vongole per 1 minuto, in modo che si insaporiscano, e serviteli ben caldi.

Ricetta di Rossanina Del Santo

*Quando trovate un asterisco accanto a uno degli ingredienti di una ricetta, dovete verificare la presenza sulla confezione della scritta senza glutine, oppure fare riferimento alla Spiga Barrata o al Prontuario dell’Associazione Italiana Celiachia (celiachia.it) o scaricare la App AIC Mobile per Android, iPhone e Windows).
** Per gli ingredienti indicati con due asterischi, il suggerimento è di scegliere i prodotti erogabili ai celiaci da parte del SSN: il riferimento è il Registro degli Alimenti dietetici senza glutine del Ministero della Salute (salute.gov.it).