Unite tutti gli ingredienti e impastate prima con una forchetta e poi con le mani, fino a ottenere un composto elastico, ma non appiccicoso. Se necessario, aggiungete un po’ di farina, poca per volta, perché ogni farina senza glutine reagisce in modo diverso.

Riccio: fate il corpo grassottino, con il muso leggermente allungato, usate le penne senza glutine per gli aculei e formate il naso con 1 bacca di ginepro e gli occhi con 2 semi di zucca.

Chiocciola: modellate 1 pezzo di pasta gialla e formate il corpo. Unite 2 pezzi di pasta sottili,
1 giallo e 1 marrone, e arrotolateli a creare il guscio. Per le antenne usate 2 chiodi di garofano.

Colorate la pasta con dei coloranti alimentari naturali*, oppure divertitevi a creare delle tinte con quello che avete in casa, come ho fatto io: per il giallo ho usato la curcuma (sostituibile anche con zafferano o cannella), e per il marrone ho utilizzato il cacao in polvere*. I colori ottenuti con le polveri non si deteriorano e potete riutilizzare la pasta per 1 settimana; se invece scegliete polpa di frutta e verdure fresche, ponete la pasta in frigo e non andate oltre i 3-4 giorni. Il verde si ottiene frullando gli spinaci, il fucsia con le rape rosse, anch’esse frullate, il rosso con il purè di fragole e il blu con quello di mirtilli.

A cura di Gaia Murarolli

Leggi anche la ricetta dei nostri Pancakes senza glutine.

*Quando trovate un asterisco accanto a uno degli ingredienti di una ricetta, dovete verificare la presenza sulla confezione della scritta senza glutine, oppure fare riferimento alla Spiga Barrata o al Prontuario dell’Associazione Italiana Celiachia (celiachia.it) o scaricare la App AIC Mobile per Android, iPhone e Windows).
** Per gli ingredienti indicati con due asterischi, il suggerimento è di scegliere i prodotti erogabili ai celiaci da parte del SSN: il riferimento è il Registro degli Alimenti dietetici senza glutine del Ministero della Salute (salute.gov.it).