Preparate i pici: mettete in una ciotola la farina, realizzate una fontanina e incorporate piano piano l’acqua a temperatura ambiente. Quando avrete raggiunto una buona uniformità ed elasticità, lasciate riposare per almeno 30 minuti a temperatura ambiente. Dopodiché, procedete a stendere la sfoglia, realizzando una sorta di spaghetto che andrete a rifilare a mano arrotondandolo tra i polpastrelli.

Preparate la frutta secca (pinoli, pistacchi, bacche di goji e uvetta) mettendola a bagno, preferibilmente in un vino dolce, per qualche minuto. Prendete la burrata, aggiungete la panna fresca e frullate il tutto in un mixer, creando una crema omogenea.

Tostate il pangrattato in olio extravergine di oliva, aglio e peperoncino fresco. Aggiungete dell’olio in una padella, poi lo scalogno tritato finemente e fate rosolare il tutto.
A fuoco spento aggiungete i pomodori secchi tagliati alla julienne, le acciughe e i pomodorini confit e la frutta secca ben scolata.

LEGGI L’INTERVISTA ALLO CHEF GIORGIO TROVATO

Mettete a cuocere la pasta per 4 minuti, scolate e mettete il tutto nella padella con gli altri ingredienti. Andate avanti con la cottura per 2 minuti e poi mantecate con aggiunta di un filo di olio extravergine di oliva e qualche ciuffo di maggiorana fresca.

Per la presentazione del piatto, riponete al centro un cucchiaio di crema di burrata, adagiatevi sopra un nido di pici sul quale andate a riporre 1 cucchiaio da tavola di pangrattato aromatizzato. Infine, grattugiate un po’ di limone e distribuite qualche granello di sale nero di Cipro.

Chef: Giorgio Trovato

*Quando trovate un asterisco accanto a uno degli ingredienti di una ricetta, dovete verificare la presenza sulla confezione della scritta senza glutine, oppure fare riferimento alla Spiga Barrata o al Prontuario dell’Associazione Italiana Celiachia (celiachia.it) o scaricare la App AIC Mobile per Android, iPhone e Windows).
** Per gli ingredienti indicati con due asterischi, il suggerimento è di scegliere i prodotti erogabili ai celiaci da parte del SSN: il riferimento è il Registro degli Alimenti dietetici senza glutine del Ministero della Salute (salute.gov.it).