Versate il mix per pasta e 70 g di farina di riso su una spianatoia e miscelateli con 1 cucchiaino di sale e 1 cucchiaino di zenzero. Create una fontana al centro delle farine, versatevi l’uovo e amalgamate, aggiungendo poco per volta l’acqua. Lavorate fino a ottenere un impasto liscio e sodo, dategli forma di palla e fatelo riposare per 30 minuti.

Scaldate una padella con 3 cucchiai di olio e fate rosolare l’aglio, la cipolla, l’alloro, lo zenzero rimanente, i gamberoni e la polpa di cernia per 5 minuti. Eliminate l’aglio, sfumate con il vino e fate evaporare.
Unite i pomodori e fate cuocere per circa 10 minuti. Prelevate circa 300 g di polpa di cernia e frullatela (sarà il vostro ripieno). Aggiungete al sughetto preparato i semi di coriandolo e la scorza di limone.

Leggi anche la ricetta degli Stracci di patate al sugo di capesante!

Dividete l’impasto in 4 panetti uguali, cospargeteli con un po’ di farina di riso e stendeteli a uno spessore di circa 1 cm. Spolverizzate nuovamente con la farina restante e passate i 4 impasti nella macchina stendipasta, fino a ottenere altrettante sfoglie sottili 1-2 mm.

Ricavate con un coppapasta dei dischi di pasta, ponete al centro di ognuno 1 cucchiaino di ripieno di pesce, spennellate metà bordo con il tuorlo e richiudete il raviolo.
Lessate la borragine in acqua bollente salata, scolatela bene e frullatela con la panna, fino a ottenere una crema liscia e vellutata.

Cuocete i ravioli e serviteli, componendo il piatto in questo modo: versate sul fondo 2 cucchiai di crema di borragine, aggiungete i ravioli e completate con il sughetto di pesce.

A cura di spuntiespuntinisenzaglutine.blogspot.it

*Quando trovate un asterisco accanto a uno degli ingredienti di una ricetta, dovete verificare la presenza sulla confezione della scritta senza glutine, oppure fare riferimento alla Spiga Barrata o al Prontuario dell’Associazione Italiana Celiachia (celiachia.it) o scaricare la App AIC Mobile per Android, iPhone e Windows).
** Per gli ingredienti indicati con due asterischi, il suggerimento è di scegliere i prodotti erogabili ai celiaci da parte del SSN: il riferimento è il Registro degli Alimenti dietetici senza glutine del Ministero della Salute (salute.gov.it).