Preparate la composta: levate il torsolo e i semi dalle mele, tagliatele a cubetti e versatele in una casseruola insieme agli zuccheri, alle mandorle tritate, ai pinoli e alla cannella, se vi piace. Fate cuocere a fiamma viva per circa 20 minuti mescolando di tanto in tanto: le mele non devono sfaldarsi, ma mantenere la loro forma. Lasciate raffreddare.

Lavorate la farina con 130 g di burro, poi aggiungete i tuorli e il vino. Stendete la pasta, piegatela in 3 a formare un panetto morbido (come se fosse pasta sfoglia) e stendetela di nuovo con il matterello fino a renderla sottile.

Tagliate la pasta in due rettangoli, e distribuitevi il pangrattato. Coprite con la composta fatta scolare per togliere l’eccesso di liquido, e aggiungete l’uvetta non ammollata.

Spennellate i bordi con 1/2 albume leggermente sbattuto. Ripiegate i lati più corti degli strudel e arrotolateli dal lato più lungo. Spennellate la superficie con il burro rimasto fuso, e fate cuocere a 220 °C per 25 minuti. Una volta cotti, spolverizzate gli strudel con lo zucchero a velo.

A cura di www.glutenfreetravelandliving.it

*Quando trovate un asterisco accanto a uno degli ingredienti di una ricetta, dovete verificare la presenza sulla confezione della scritta senza glutine, oppure fare riferimento alla Spiga Barrata o al Prontuario dell’Associazione Italiana Celiachia (celiachia.it) o scaricare la App AIC Mobile per Android, iPhone e Windows).
** Per gli ingredienti indicati con due asterischi, il suggerimento è di scegliere i prodotti erogabili ai celiaci da parte del SSN: il riferimento è il Registro degli Alimenti dietetici senza glutine del Ministero della Salute (salute.gov.it).